Prostata: Come mantenerla in salute

Circa un uomo su due, sopra i 50 anni, nel corso della sua vita avrà dei problemi alla prostata, a partire da infiammazioni leggere, prostatiti, ingrossamento della ghiandola, o nelle peggiori delle ipotesi, di un cancro alla prostata. Le statistiche non mentono, col 50% di possibilità di sviluppare dei problemi alla prostata, è cruciale per l’uomo di qualunque età, riconsiderare il proprio stile di vita per il benessere di questa preziosa ghiandola.

La dieta in questo caso gioca un ruolo fondamentale. Studi scientifici dimostrano una diretta correlazione tra una dieta a base di carne e latticini e lo sviluppo di cancro alla prostata.

Ecco dunque alcuni consigli per non avere problemi alla prostata

Frutta e verdura aiutano a prevenire infiammazioni alla prostata

Una dieta ricca di frutta e verdura biologica, è un buon inizio per iniziare una sana prevenzione (o eventualmente una cura) della ghiandola prostatica. La frutta contiene infatti fitonutrienti, vitamine e sostanze che risultano protettive contro i radicali liberi. La ricchezza di fibre della verdura a foglia verde assicura un corretto transito intestinale, essenziale per mantenere in ordine l’intestino, il più importante organo emuntore dell’organismo, strettamente connesso alla prostata.

Poche proteine provenienti da fonti vegetali

Una dieta ipo-proteica è l’ideale per una corretta prevenzione della prostata. Limitare il consumo di proteine cercando di non superare il 10%-15% del proprio fabbisogno calorico è un buon inizio.

Le fonti proteiche più sane sono quelle di origine vegetale, quindi è bene eliminare o ridurre il consumo di carne e latticini. In particolare i latticini sono tra i responsabili dell’ingrossamento prostatico e delle infiammazioni di tutte le ghiandole dell’organismo, a causa dell’incapacità del corpo umano di digerire correttamente la caseina.

Cereali integrali possono aiutare ad assumere calorie, carboidrati e proteine sufficienti oltre a fornire un sostanziale contenuto di fibre che abbiamo visto essere di vitale importanza per il benessere intestinale.

Eliminare i grassi di origine animale

Questo è l’aspetto che può seriamente fare la differenza. E’ essenziale eliminare i grassi di origine animale, come quelli presenti nella carne e nei latticini.

I grassi che possiamo assumere dovrebbero essere di origine vegetale, bilanciati tra omega 3, 6 e 9. Piccole quantità di semi oleosi e noci sono l’ideale, in particolare i semi di canapa con un apporto di questi grassi perfettamente bilanciato. Benefici anche i semi di zucca che grazie allo zinco aiutano nella produzione di liquido spermatico e in generale nella sfera riproduttiva dell’organo sessuale maschile.

Essenziale è ridurre o eliminare ogni tipo di bevanda o alimento che anche il buon senso etichetterebbe come infiammanti.

Limitare o meglio eliminare il consumo di caffè, superalcolici, cibi eccessivamente piccanti o salati.

Ma la dieta è solo una piccola parte della battaglia.

L’esercizio fisico è un fattore determinante per mantenere in salute la nostra prostata. Grazie alle ricerche del Dr. Stephen J. Freedland della Duke University Prostate Center, gli uomini che praticano un esercizio fisico equivalente a 3-6 ore di camminata alla settimana hanno una probabilità inferiore di sviluppare un cancro alla prostata.

Ecco una serie di esercizi che possono supportare la salute della prostata

corsa

Esercizi che aiutano la prostata

Esercizio Cardiovascolare

Spesso denominato “aerobico”, questo tipo di esercizi incrementa il battito cardiaco, rinforzando il cuore e ossigenando i polmoni e tutto il corpo. Esercizi di questo tipo sono la corsa, il jogging, la camminata veloce, il salto della corda e tanti altri. Oltre a combattere le infiammazioni, l’esercizio cardiovascolare serve anche a risolvere problemi di obesità, che è strettamente correlato con la salute della prostata.

Esercizi di forza muscolare

Tutti gli esercizi mirati a promuovere l’ingrossamento dei muscoli del corpo aiutano a mantenere sana la ghiandola prostatica poiché inevitabilmente contribuiscono a contrarre e rilassare i muscoli del pavimento pelvico di cui parlerò tra poco.

Qualsiasi sia l’esercizio che scegli, assicurati che come obiettivo abbia il rinforzamento dei muscoli delle gambe, inclusi quadricipiti e glutei. Un esercizio semplice a questo scopo sono i piegamenti sulle gambe o squats.

Esercizi del pavimento pelvico

Anche se tipicamente riguardano la donna, gli esercizi del pavimento pelvico possono avere un grosso beneficio per la salute della prostata. Questo tipo di esercizi, denominati anche kegel, prevedono una contrazione e un rilassamento ripetitivi del muscolo pubococcigeo situato tra l’ano e gli organi genitali. Lo stesso muscolo che è in grado di bloccare il flusso di urina se contratto.

Gli esercizi del pavimento pelvico sono importanti per contrastare gli effetti di un ingrossamento prostatico e prevenire e migliorare i problemi di erezione. Anche gli uomini che non hanno problemi di prostata possono avere benefici dall’utilizzo costante di questi muscoli, non solo per l’aspetto puramente salutistico, ma anche per migliorare l’orgasmo e avere erezioni più forti e durature e controllo sull’eiaculazione.

Conclusione
Mantenere in salute la prostata non è dunque così difficile una volta comprese le regole di buon senso del benessere, ma se l’aspetto salutistico non è sufficiente per motivarti a fare esercizio fisico o a cambiare le tue abitudini alimentari forse sapere che una prostata sana è essenziale per una sana attività sessuale può aiutarti a mantenerti attivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *