Perché un dollaro USA forte è dannoso per gli investitori?

Il dollaro USA ha raggiunto i suoi livelli più alti da 13 anni a questa parte, poco dopo che Donald Trump ha vinto le elezioni nel Novembre del 2016. Ma dal suo insediamento, l’indice del dollaro ha perso circa il 9% rispetto al paniere delle altre valute. Si prevede che il dollaro continui a scivolare mentre gli investitori si preparano per un acceso dibattito al Congresso sulla proposta di revisione del presidente Trump all’attuale politica fiscale e sull’aspettativa di tassi di interesse più alti tra l’arrivo di un nuovo presidente della Federal Reserve nei prossimi mesi.

Tuttavia, che cosa dice la forza del dollaro sulla forza complessiva del paese? Un dollaro americano più debole significa che l’economia si sta indebolendo? Un dollaro americano forte suggerisce il contrario? Un dollaro americano forte non riguarda una economia americana forte, come molti esperti preferiscono affermare. L’economia degli Stati Uniti non è forte come il dollaro, almeno per il momento. Riguarda la forza relativa rispetto alle altre valute in cui le valutazioni vengono ridotte nel tentativo di alimentare la crescita, mentre la Federal Reserve ha completato le sue politiche monetarie accomodanti. Inoltre, la riduzione della leva finanziaria sta giocando un ruolo: i debiti che vengono pagati portano meno dollari nel sistema, aumentando così il valore di quei dollari.

dollaro usa

Un forte dollaro USA è dannoso per le multinazionali a grande capitalizzazione, perché rende le merci americane più costose all’estero. Se il dollaro USA continua ad apprezzarsi, potrebbe anche avere un impatto negativo a lungo termine, perché i consumatori d’oltremare cominceranno a rinunciare ai marchi americani.

I settori più colpiti da un dollaro forte sono la tecnologia, l’energia e i materiali di base, ma i nomi a grande capitalizzazione che potenzialmente vedranno i loro guadagni affondati, vanno ben oltre questi tre settori. E in quei settori, la tua ricerca dovrebbe essere fatta caso per caso. Alcuni dei nomi che hanno avuto un impatto negativo o potrebbero essere influenzati negativamente da un dollaro USA forte sono GM, IBM e Oracle.

Dall’altra parte della barricata, le società nazionali non saranno influenzate negativamente dal dollaro statunitense. Tuttavia, è comunque necessario prestare attenzione. L’economia domestica è spesso pubblicizzata come forte, ma si basa principalmente sul mercato del lavoro. Per conoscere la verità sul mercato del lavoro, occorre osservare il tasso di partecipazione alla forza lavoro, non solo il numero di disoccupazione. C’è un motivo per cui la Federal Reserve ha mantenuto i tassi di interesse ai minimi storici per anni.

investimenti

A causa della mancanza di crescita salariale e di una spesa per consumi sostenibili, alcuni dei nomi seguenti dovrebbero essere considerati opzioni potenzialmente migliori rispetto ai nomi sopra riportati su base relativa. La verità è che la stragrande maggioranza degli stock avrà difficoltà a vedere l’apprezzamento nel prossimo anno. Tuttavia, se desideri rimanere a lungo senza doversi preoccupare dell’impatto del dollaro negli Stati Uniti, ecco alcuni nomi da approfondire: Fibogroup, TJX, Allstate e CVS.

Chi non crede che il dollaro continuerà a diminuire e si preoccupa per l’impatto del dollaro statunitense sui propri investimenti, dovrà stare lontano dalle multinazionali ed esaminare le società che hanno solo un’esposizione nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *