F1, Gp Malesia: Trionfa Verstappen davanti ad Hamilton

Nell’ultima edizione del gran premio della Malesia, trionfano la RedBull e Max Verstappen. Seguono Lewis Hamilton, Daniel Ricciardo e Sebastian Vettel, autore di una bella rimonta. Kimi Raikkonen è stato costretto al ritiro ancora prima di partire, per via di un presunto problema sulla power unit.

Trionfa Verstappen davanti ad Hamilton. Vettel chiude 4° in rimonta

Nella domenica d’addio del circuito malese di Sepang e nel giorno successivo al suo ventesimo compleanno, Max Verstappen è riuscito a ritagliarsi un ruolo da protagonista. Il giovane olandese, al volante della RedBull, ha tagliato il traguardo in prima posizione, con un bel margine di vantaggio sulla Mercedes di Lewis Hamilton, il quale, nelle consuete interviste di fine gara, ha dichiarato di aver voluto preservare la propria monoposto, in ottica mondiale (sono 34 i punti di distanza da Vettel), piuttosto che “rischiare” nel tentativo di aggiudicarsi il gran premio.

Una vittoria che permette a Verstappen di risollevarsi, soprattutto a livello morale, dopo una stagione assai travagliata, segnata da numerosi ritiri, molti dei quali per motivi tecnici. RedBull che dunque festeggia la seconda vittoria in campionato, confermandosi subito alle spalle dei due top team, Mercedes e Ferrari, potendo ambire ad un ruolo sempre più di primo piano, già a partire dal 2018.

Conclude in terza posizione, invece, Daniel Ricciardo con l’altra RedBull, che nel finale di gara ha dovuto resistere ai tentativi di Sebastian Vettel, autore di una bella rimonta fino al quarto posto, scattando dal fondo della griglia.

Il tedesco della Ferrari, nonostante i 6 punti persi da Hamilton, resta tuttavia fiducioso per le prossime tappe della stagione, grazie ad una Ferrari che ha messo in mostra una competitività di assoluto livello.

Niente da fare per Kimi Raikkonen, il quale si è dovuto ritirare ancora prima della partenza per un problema che sembra avere la stessa origine di quello che aveva colpito Sebastian Vettel al venerdì, nel corso della terza sessione di prove libere, condizionando pesantemente il risultato delle qualifiche.

In quinta posizione troviamo un deludente Valtteri Bottas, chiudendo a quasi un minuto da Max Verstappen; il finlandese è sembrato in difficoltà per tutta la durata della gara, non riuscendosi a trovare a proprio agio sulla sua W08.

Da sottolineare le prestazioni di Sergio Perez e Stoffel Vandoorne, autori di un weekend molto positivo, culminato con degli ottimi risultati in gara, rispettivamente al sesto e settimo posto.

Ordine d’arrivo Gp Malesia :

1- Max Verstappen (RedBull)
2- Lewis Hamilton (Mercedes)
3- Daniel Ricciardo (RedBull)
4- Sebastian Vettel (Ferrari)
5- Valtteri Bottas (Mercedes)
6- Sergio Perez (Force India)
7- Stoffel Vandoorne (McLaren)
8- Lance Stroll (Williams)
9- Felipe Massa (Williams)
10- Esteban Ocon (Force India)
11- Fernando Alonso (McLaren)
12- Kevin Magnussen (Haas)
13- Romain Grosjean (Haas)
14- Pierre Gasly (Toro Rosso)
15- Jolyon Palmer (Renault)
16- Nico Hulkenberg (Renault)
17- Pascal Wehrlein (Sauber)
18- Marcus Ericsson (Sauber)
Out Carlos Sainz (Toro Rosso)
Not Start Kimi Raikkonen (Ferrari)

Solida prestazione anche per la Williams, con Stroll che nel finale si è reso protagonista di un insolito incidente con la Ferrari di Sebastian Vettel nel giro di rientro, causando danni alla sospensione posteriore sinistra alla monoposto del cavallino. I commissari, tuttavia, hanno deciso di non sanzionare nessuno.

Domenica da dimenticare per Fernando Alonso; lo spagnolo bicampione del mondo è stato rallentato nelle fasi iniziali da alcuni piloti in battaglia, senza più trovare il ritmo adeguato per concludere la gara nella top10.

Niente punti anche per Haas, Renault e Toro Rosso, nonostante una buona prestazione di Gasly, il quale non ha affatto sfigurato; sempre vicino, in termini cronometrici, al più esperto compagno di squadra, Carlos Sainz (costretto poi al ritiro per problemi al propulsore), il francese si è detto fiducioso anche per il prossimo weekend a Suzuka, l’ultimo prima di cedere il volante a Daniil Kvyat.

Analizziamo di seguito come cambiano le classifiche mondiali, costruttori e piloti, dopo il weekend di Sepang.

Classifica Costruttori

1- Mercedes 503
2- Ferrari 385
3- RedBull 270
4- Force India 133
5- Williams 65
6- Toro Rosso 52
7- Renault 42
8- Haas 37
9- McLaren 23
10- Sauber 5

Classifica Piloti

1- Hamilton 281
2- Vettel 247
3- Bottas 222
4- Ricciardo 177
5- Raikkonen 138
6- Verstappen 93
7- Perez 76
8- Ocon 57
9- Sainz 48
10- Hulkenberg 34

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *