Disturbi Gengivali : come prevenire con una corretta igiene orale

La presenza di un qualsiasi tipo di disturbo gengivale è facile da scorgere. I sintomi infatti sono gengive arrossate, irritate e gonfie che sanguinano con facilità, soprattutto al passaggio dello spazzolino da denti oppure del filo interdentale. Questi sintomi sono causati dalla presenza di batteri che si sono andati ad insediare proprio nella zona delle gengive e tra i denti, soprattutto laddove è difficile arrivare bene con il solo utilizzo del classico spazzolino. Capite bene quindi che la causa principale dei disturbi gengivali è una scorretta igiene orale.

 

La causa: una scorretta igiene orale

Dobbiamo sottolineare che questo non è sempre vero perché ci sono anche persone portate geneticamente ad incorrere in questo genere di problematiche e persone che soffrono di malattie croniche o deficienze del sistema immunitario che sono più inclini alle altre ad incorrere in questi problemi. Anche la gravidanza è un periodo della vita in cui le probabilità di avere un disturbo gengivale aumentano. Tralasciando questi casi speciali è però l’igiene orale non effettuata nel modo corretto ad arrecare danno alle gengive.

 

L’igiene orale da seguire, qualche consiglio

In cosa consiste una corretta igiene orale? Questa è una domanda che tutti si pongono e a cui non tutti purtroppo però sanno dare una risposta. Cerchiamo di fare chiarezza sulla questione. Ecco i punti salienti di una corretta igiene orale:

Scegliere uno spazzolino adeguato che sia in possesso di una testina piuttosto piccola per raggiungere ogni zona della bocca e che sia in possesso di setole di media durezza.
Cambiare lo spazzolino almeno ogni 3 mesi.
Lavare i denti dopo ogni pasto.
Non abusare di bevande zuccherate né di dolci.
Non abusare di quelle sostanze aggressive che possono danneggiare lo smalto dei denti come il vino o il caffè.
Non fumare.
Evitare ogni forma di stress.
Utilizzare anche il filo interdentale e il collutorio.
Effettuare visite periodiche dal proprio dentista.
Effettuare almeno una volta all’anno la pulizia dei denti.

Impianto dentale costi e problematiche

Il problema principale dei disturbi gengivali è che al loro stadio iniziale non provocano dolore ed è difficile quindi rendersi conto precocemente dei sintomi. Quando ci si rende conto che c’è un disturbo la malattia è già in uno stadio avanzato. In questi casi è bene fare subito affidamento sul proprio dentista perché se la gengiva dovesse retrocedere c’è anche la possibilità di perdere il dente e dover quindi sottoporsi ad un impianto dentale. Gli impianti dentali sono una routine oggi per i dentisti e potete stare certi quindi che il dentista su cui decidete di fare affidamento riuscirà a farvi tornare a sorridere senza che si noti nessuna differenza dal dente originale.

Purtroppo però dobbiamo ammettere che i costi di questa tipologia di interventi possono essere davvero molto elevati e oggi sono in molti a non avere a disposizione i soldi necessari. Che fare? Di certo la soluzione non è rinunciare ad un bellissimo e sano sorriso.

La soluzione è fare affidamento sui dentisti che hanno la possibilità di garantire delle tariffe più democratiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *