Amsterdam :cosa vedere in un week end

Amsterdam, città eclettica e dalle mille sfaccettature. Definita la “Venezia del nord” è ricca di colori, contraddizioni ed anche trasgressione. La seduzione di Amsterdam sta nell’aver custodito l”atmosfera di un borgo, e non di una grande e pallida metropoli, sebbene sia una delle città più celebri e visitate d’Europa. Non c’è solo il trambusto cittadino, basta girare l”angolo per scoprire la quiete dei viali alberati, riscoprendo l”incanto di un passato ancora presente. Qui di seguito troverete una piccola guida che racchiude i luoghi più incantevoli della città e che quindi sono da non perdere.

amsterdam notte

Piazza Dam ad Amsterdam è la piazza maggiore della città e la zona dove potrete godere del divertimento che Amsterdam dona durante il giorno. Artisti di strada, mercati, luna park rallegrano i visitatori e la moltitudine di persone del posto in qualsiasi periodo e a qualsivoglia ora della giornata. Il Palazzo Reale e il Nationaal Monument si presentano direttamente sulla Piazza alla quale è possibile giungere con i tram n° 1, 2, 5, 14 alla fermata Paleisstraat.

Il Museo Van Gogh un palazzo che s”impone con la sua cruda semplicità e che la città di Amsterdam ha dedicato a Van Gogh inaugurandolo nel 1973, accoglie una estesa collezione delle opere dell”artista. Realizzato su tre piani, il Museo conserva anche una sequenza di dipinti da cui l’artista traeva ispirazione ed una serie di lavori di artisti della sua stessa epoca. Può essere visitato tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00.

La Casa di Anna Frank è la casa dove Anna Frank e la sua famiglia si rifugiarono prima di essere smascherati dai nazisti e deportati nei campi di concentramento. Un passaggio segreto, celato da una libreria, porta alle due stanze dove Anna scrisse il suo diario. Dal 1960 l”edificio è diventato un Museo che testimonia non solo gli accadimenti della casa ma anche le circostanze dell”Olanda di quegli anni.

Palazzo Reale fabbricato nel XVII secolo come Municipio per indicare la ricchezza della Repubblica Olandese, l”edificio venne poi cambiato nel 1808 da Luigi Bonaparte in Palazzo Reale. Per scongiurare attacchi dai rivoluzionari, l”ingresso è nascosto da un portico. Le decorazioni interne ed esterne sono segno del prestigio che vigeva ad Amsterdam.

fiori amsterdam

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *